Juniores Elite A. Analisi del girone di andata.

E’ come un libro aperto di 15 pagine il girone di andata del girone A della Juniores Elite; aprirlo e sfogliarlo è un attimo, si legge tutto d’un fiato perchè ricco di colpi di scena e lascia curiosità per le 15 pagine restanti , quelle del girone di ritorno. L’introduzione la si può leggere nelle previsioni di inizio di stagione.

Incontro top alla prima giornata fra Camisano e Malo; sono gli azzurri di Casarotto a prevalere mentre i blacks di Sidi Sehu Allen fanno capire che il loro campionato sarà fortemente condizionato dalla prima squadra. Il Montecchio Maggiore del generale Bruno Cailotto, parte favorita e vince comoda su una quadra ancora in cantiere.
Fa la voce grossa l’AlbaBorgoRoma in casa dell’Olimpica Dossobuono, il Sona Calcio viene massacrato a Sarcedo grazie ad un rigore e un’espulsione nei primi minuti.
Se il Montecchio ha un generale, e alla fine di questo libro lo spiegherò, l’Armata Reichenbach, chiamata anche Valgatara ha un Capitano di Ventura che si assume il rischio di affrontare squadre blasonate con una distinta di quattordici soldati (di ventura, per l’appunto): l’Armata cade a pagina due contro il Sona Calcio, mentre nella stessa pagina vincono il Camisano e il Montecchio ma i castellani convincono di più. Primo campanello d’allarme per maresciallo (questo è autentico) Alessandro Matrullo contro il Concordia che viene contestato in fureria, pardon in spogliatoio.
Stenta la Virtus, favorita assieme al Montecchio e al Camisano nelle prime tre giornate; l’organico è comunque di valore perchè composto da elementi che due anni prima avevano vinto il campionato con un’annata in meno. Primo avvicendamento di mister: si dimette Massimo Cracco del Sovizzo, i suoi metodi di allenamento non sembrano piacere a qualche dirigente (e genitore). Pagina nera a Malo: prima espulso un giocatore del PescantinaSettimo che litiga col presidente del Malo in area tecnica e poi perde la testa il n°12 della squadra veronese che accumula una sanzione (esagerata) di 9 giornate. Intanto a sorpresa, AlbaBorgoRoma e Montorio guadagnano la vetta della classifica mentre nella giornata 4 sono i biancoverdi di Michele Rossi a prendersi la rivincita sul Valgatara e trovarsi da soli in testa fra lo scetticismo generale. Prende paura Gianfranco Franchini al cospetto di un Montecchio d’assalto, ma la gara termina 0-0.
Nella giornata 5 si affaccia alla ribalta un talento che esploderà poi nelle ultime giornate del girone d’andata, è Luca Marastoni che piega il Sona Calcio; cade il Montorio a Dossobuono ma il risultato più importante della giornata è quello fra Valgatara e Virtus: quest’ultimi prevalgono con un netto 5-3 facendo vedere una squadra energica in grado di competere con chiunque.
Sona Calcio pirata contro l’AlbaBorgoRoma sciupona e anche il Sovizzo ringrazia la buona stella per tre insperati punti raccolti sul campo del Concordia. Trasferta positiva anche per Reichenbach che fa valere la legge dell’ex in casa del PescantinaSettimo, ma deve sempre ringraziare un certo Enrico Rossi, bomber prestato dalla prima squadra.
A pagina sette, ancora Reichenbach si prende gli onori della prima pagina perchè riesce a mettere sotto l’amico Casarotto con un secco 3-0; la partita top fra Montecchio e Virtus termina 2-2 lasciando invariata la testa della classifica. Tre reti recupera il Sarcedo nei confronti del Montorio e altrettanti ne fa al Malo nella giornata 8. Nella stessa giornata il Montecchio libera i suoi attaccanti a PescantinaSettimo, scricchiola la panchina di Marco Giarola che crollerà la settimana successiva a Sarcedo contro una squadra abbonata alle tre reti a gara. Di poco la Virtus prevale sul Concordia mentre il Camisano liquida senza problemi il Lupatoto. Altra panchina in transizione: da Filippo Zendrini il Concordia torna nelle mani di Daniele Lo Presti. Torna a fare la voce grossa il Montorio nella tana dei lupi ma sembra finire la buona stella e la buona vena del Camisano: 2-0 netto a Montecchio e brutta gara degli azzurri. La Virtus a Sona tira fuori l’asso nella manica, Zambaldo e vince nettamente per 2-0. Il campionato sembra un affare a due.  Nella giornata successiva vincono entrambe, ma la giornata 11 che doveva dare delle risposte quasi definitive, viene rinviata per maltempo.
Nella giornata 12, rischia grosso la Virtus a Camisano, arraffa il pareggio quasi al termine ma anche il Montecchio non va oltre il pari. In coda il Sovizzo del nuovo mister Andrea Cattani, prende un punto d’oro a Montorio, Sona Calcio, Calidonense e Lupatoto affondano.
Notizie dalla giornata 13: gara top a Verona, più di un derby e come tale incontro piuttosto nervoso fra Virtus e Montorio, derby anche a Montecchio contro il Summania. Le due a braccetto, vincono ma non molla il Camisano che rischia di fare tre punti sul rinnovato campo dell’Avanzi. Virtus in testa ma nella giornata 14, come in parecchi avevano gufato, non va oltre il pareggio a Malo. Montecchio Maggiore vince a Sarcedo e si porta in testa. Nella stessa giornata c’è un altro cambio di mister, Alessandro Matrullo viene sollevato, sembra, per divergenze con la dirigenza del Dossobuono e sostituito successivamente da Antonio Gioia che vince all’esordio contro il Sona; vince anche il PescantinaSettimo con Alberto Pizzini che affossa definitivamente o quasi le ambizioni del Montorio.
Nella giornata 15 c’è il giallo di Sona: l’arbitro sospende per oscurità quando mancano solo 7 minuti di recupero. La gara verrà recuperata sabato 28 dicembre alle ore 15 e si giocheranno quindi solo sette minuti, da non perdere. Nella stessa data si recupererà un’altra gara importante per la salvezza, Sovizzo-Summania. Giallo a parte, la giornata segnala che i pronostici a favore del Montecchio sono più che giustificati: 3-0 netto al Valgatara, con doppietta di Trivunovic e rete di Lucato, unica punta di ruolo della formazione castellana. 

Il Camisano a Montorio stenta ma recupera due reti e fa 3-3 mentre la Virtus sul sintetico di Lugo si fa imbrigliare da un ottimo PescantinaSettimo: Montecchio è avanti di 3 punti e virtualmente campione d’inverno.
Manca una sola giornata, la 11ª, che viene recuperata sabato 21 dicembre: ancora una volta il Malo 1908 fa da mina vagante e impone il pareggio al Montecchio, la Virtus di Mauro Annechini stravince cinicamente sul campo dell’AlbaBorgoRoma ma nemmeno il Camisano si arrende grazie ad una vittoria sofferta sul Sona. In coda il Concordia si toglie dal penultimo posto grazie ad una doppietta di Ghirlanda e il Calcio Sarcedo batte il record di rigori sbagliati in una gara (3=tre). Risale il Lupatoto celebrando le doti di Luca Marastoni: dopo le 4 reti della giornata 15 (al Dossobuono) ecco la doppietta contro il PescantinaSettimo.

Per il Sona Calcio la strada per mantenere la categoria non sarà facile ma come tutti gli obbiettivi anche questo si potrà raggiungere con l’impegno negli allenamenti e la massima concentrazione durante le gare; arrivederci a sabato 28 dicembre per i sette minuti più emozionanti dell’anno.

Per gli amanti delle statistiche e dei numeri, ecco una tabella analitica che lasciamo ai commenti tecnici. Sappiamo perfettamente che a molti mister numeri e tattiche non piacciono, ma questa analisi offre lo scenario di quella che potrebbe essere la pagina 30 di questo libro.

 

 

 

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •