Serie D, girone B, Sona-Casatese
Ufficio Stampa Sona Calcio.

Più giovane complessivamente di 8 anni, il Sona malmesso (per infortuni) trova il coraggio di affrontare a viso aperto una Casatese scesa in via Casella col chiaro intento di vincere. Marco Tommasoni rivoluziona la formazione: la mossa di Galazzini esterno alto sorprende un po’ tutti, ma il giovane del 2000 ricopre bene anche questa posizione rendendo la fascia sinistra prima e quella destra poi la zona più pericolosa del Sona. In attacco Numerato ha raccolto la maglia ma non l’estro di Strada, infortunato: la sua è stata una gara da “ragioniere”, giudiziosa anche se pur poco appariscente.
Primo tempo con una leggera dominanza della Casatese che ha messo solamente in evidenza le doti acrobatiche di Carletti il quale ha fatto vedere qualcosa in più del collega Ferrara leggermente attardato sul tiro della prima rete. Più cinico il Sona Calcio che ha potuto emergere in un paio di occasioni in una delle quali è scaturito il tiro coraggioso di Boccalari da venti metri, ormai uno specialista nei tiri da fuori.
La reazione della Casatese è stata sterile sia pure guadagnando qualcosa a centrocampo con l’esperto Perez Moreno ma senza comunque produrre seri pericoli se non la rete dell’ultimo minuto con Stefanoni.
Vittoria in tasca con Dal Cortivo – moderna figura di difensore con l’ elastico – che ha potuto insaccare una mischia in area nella quale è stato contestato una posizione di fuorigioco: rossoblu sugli scudi dopo la partitaccia di Ciserano in attesa di Maicon. (dove lo metterà Tommasoni?)
Fra poco si dovrebbe imbarcare sul volo diretto con arrivo a Malpensa domani nel pomeriggio.

Sona-Casatese (1-0) 2-1

Sona Calcio (4-2-3-1): Carletti, Belem, Gecchele, Dal Cortivo, Dellafiore; Boccalari, Numerato; Galazzini (38’st Belfanti), Torri (41’st Gerevini), Alves Da Mota; Marchesini (28’st Valbusa). A disposizione: Rosa, Calabrese,  Montresor, Scamperle, Multari, Caldeo.
Allenatore: Tommasoni Marco.

Casatese (4-3-3): Ferrara, Sordillo (30’st Lamperti), Frigerio, Perego, Bello; Baldan (16’st Perez Moreno), Sassella, Pennati (16’st Stefanoni); Sala, Candido, Pontiggia (15’pt Mandelli). A disposizione: Pirola, Morganti, Frigerio, Gambazza, Morlandi.
Allenatore: Tricarico Danilo.

Arbitro: Antonio Di Reda di Molfetta.
Ass.1: Alessandro Scifo di Trento. Ass.2: Francesco Scifo di Trento.

Reti: 29’pt Boccalari (SC), 30’st Dal Cortivo (SC), 45+3 Stefanoni (C).

Note: ammoniti Boccalari, Torri (S), Ferrara (C), recuperi 2′ e 4′, gara giocata a porte chiuse.

Mister Tommasoni, alle prese con molte defezioni, schiera un 4-2-3-1 con Galazzini a destra, Da Mota a sinistra e Torri tre-quartista alle spalle di Marchesini unica punta. Tricarico dispone invece i suoi con un 4-3-3 con il tridente Candido-Sala-Pontiggia. Dopo 15 minuti il tecnico ospite è già costretto alla prima sostituzione di giornata con Pontiggia che esce per infortunio lasciando il posto a Mandelli. Dopo una prima fase di studio il Sona passa al 27′ con Boccalari che porta palla per vie centrali, vince un paio di contrasti e dal limite esplode il destro con il pallone che gonfia la rete alle spalle di Ferrara. Dopo aver trovato il vantaggio i padroni di casa spingono sfiorando il raddoppio in due occasioni, al 29′ quando Torri, servito al centro dell’area va al tiro su suggerimento di Numerato dopo una serpentina di quest’ultimo sulla sinistra (pallone murato da un difensore della Casatese) e al 31′ con Marchesini che arriva a colpire di testa nell’area piccola con la sfera che viene salvata sulla linea da un giocatore biancorosso a Ferrara battuto. La Casatese si fa vedere dalle parti di Carletti solo nel finale di tempo prima con una discesa sulla sinistra di Frigerio al 36′, pallone messo a centro area, respinto corto dall’estremo difensore locale sul quale si avventa Candido con il sinistro con il numero 10 che trova la provvidenziale chiusura di Dellafiore in angolo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Mandelli arriva a colpire in area piccola non riuscendo però a trovare lo specchio della porta nonostante un uscita coi tempi sbagliati di Carletti. Dopo due minuti di extra-time il primo tempo si chiude con il Sona avanti 1-0.

Nella ripresa non succede praticamente nulla fino al 30′ quando il Sona trova il raddoppio con Dal Cortivo, abile nello spingere in rete una palla danzante sulla linea di porta sugli sviluppi di una palla inattiva dalla tre-quarti di sinistra messa in area dal sinistro di Da Mota. Al 36′ poi Da Mota fallisce il colpo del k.o, il lussemburghese, messo davanti a Ferrara dopo un contropiede, prima riesce a saltare l’estremo difensore di proprietà del Lecco, per poi concludere debolmente con il sinistro a porta sguarnita favorendo il salvataggio sulla linea in scivolata di Bello. Gli uomini di Tricarico allora negli ultimi minuti si buttano in avanti in cerca del goal valido quantomeno per riaprire la partita, che arriva però troppo tardi, al 3′ dei 4 minuti di recupero concessi dall’arbitro Di Reda della sezione di Molfetta, cross dalla destra di Mandelli che, sporcato, capita tra i piedi del neo-entrato Stefanoni, il quale a tu per tu con Carletti non sbaglia con il sinistro.

I rossoblù salgono dunque a quota 14 punti all’ottavo posto in classifica mentre la Casatese scivola al quarto. Migliori di oggi per il Sona Boccalari, autore del goal del vantaggio e perno del centrocampo, Dal Cortivo, perfetto in fase difensiva e prezioso in quella offensiva, specie nelle palle inattive e Belem, under (2002, il più giovane dell’undici titolare) autore di una prestazione senza sbavature sull’out di sinistra.

A fine gara mister Danilo Tricarico – un bella persona sotto il profilo sportivo – ammette errori tecnici (e anche tattici) della squadra e recita il mea culpa meditando una pronta riscossa. La vetta è lì che attende ancora un leader conclamato.  <<… migliore in campo dei miei…Perez Moreno….>>  Peccato che sia entrato solo nel secondo tempo.
Migliori per il Sona dice Salvatore Piccinato  <<…sicuramente Dellafiore..sempre presente e sempre lucido anche a cercare la rete nelle sortite sui calci d’angolo e poi Dal Cortivo, il ragazzo cresce di giornata in giornata, gli manca solo un po’ di cattiveria…>> Concordiamo soprattutto per Dal Cortivo, che oggi ha messo in campo un repertorio tecnico di prim’ordine con certi rilanci sul lungo linea con effetto a rientrare e i lunghi passaggi liftati che arrivano a destino facili da controllare.

Due parole sulla tifoseria, da parte Sona sono uno si è sgolato per tutta la gara, Claudio Avesani, che ha chiuso senza voce. Ammutoliti, per altri motivi, anche i giallo-incappucciati tifosi della Casatese, che probabilmente hanno visto la peggior partita dei biancorossi in questo avvio di stagione.