Juniores Elite A. Concordia – Sona Calcio.
di Rodolfo Giurgevich.

Sono costretto ad iniziare questa cronaca con un appunto negativo sia ai sostenitori locali che a quelli ospiti per le continue pressioni (assistite da qualche insulto) sulle decisioni arbitrali. Tanto per capire, l’arbitro Nicolò Bissoli è un giovane di 18 anni che ha fatto il suo dovere in campo; la direzione di gara magari è stata un po’ british con qualche fallo sorvolato (per ambo le parti) ma alla fine il giovane Bissoli è andato in crisi, portando comunque a termine la gara e prendendo una decisione piuttosto pesante sul finir di gara.
Direzione di gara sopra la sufficienza, migliori in campo per il Concordia, Balbo (in grazia di dio), Ledri, Ghirlanda, Bova, Pavanati e Martignoni. Per il Sona Calcio in assoluto il migliore è Rossi Kevin (magari poco preciso nelle conclusioni) e poi Nesi, Conti, Oboe, Toffoli e Signorini.
Peggiore in assoluto il pubblico, che mi ha costretto a lasciare la tribuna con i timpani doloranti.

Concordia – Sona Calcio (1-1) 2-1

Concordia : Zanchi, Grigolo, Pavanati, Lo Bello, Bova, Lenzi, Perera, Balbo, Ledri, Martignoni, Ghirlanda. A disp. Bertinelli, Caccia, Frizzera, Avesani, Zecchini, Ortolani, Lovato, Camerini. Dir. Tecn. Bertinelli Giovanni.

Sona Calcio: Righetti, Brentegani, Gobbi, Toffoli, Nesi, Conti, Rossi, Leardini, Signorini, Del Duca, Oboe. A disp. Speri, Gambini, Qarri. All Salvatore Piccinato

Arbitro: Nicolò Bissoli di Verona
Reti: 2’pt Toffoli (SC), 37’pt Balbo (C), 45’st Ledri (C)

in memoria di Gianfranco Valbusa, un grande personaggio del calcio

Da due squadre rabberciate e sistemate con allievi volonterosi ( il Sona si presenta con una distinta di 15 giocatori) ti saresti aspettato uno spettacolo mediocre invece, almeno nel primo tempo, è stata una gara vibrante dal ritmo accelerato e caratterizzato da una discreta intensità tecnica.
Neanche il tempo di osservare i moduli ( 4-3-3 per i viola e il solito 4-4-2 per il Sona) che i rossoblu vanno in vantaggio a sorpresa con Toffoli che porta il 4 sulla maglia ma in realtà fa da punta centrale assieme a Signorini. A dir la verità è difficile dire se era più sveglia la punta rossoblu oppure se la difesa viola stava facendo un pisolino, resta il fatto che la partita inizia tutta in salita per il Concordia che subisce ancora  tre azioni in percussione delle punte sonesi: interrompono l’iniziativa dei rossoblu, una puntata di Ledri parata da Righetti e una fucilata del 9 viola che termina sull’esterno della rete.
Dopo una decina di minuti i viola prendono le misure alle due punte che dialogano con un forsennato Rossi ispiratore delle principali azioni ma sciagurato nelle conclusioni.
Perera firma un’emozione al 21’pt quando da sinistra a destra si accentra per far partire un tiro ad effetto che termina sul parco giochi; dalla ripartenza rossoblu nasce un contropiede viola con Ledri  che impegna a terra Righetti.
Il Concordia attacca e il Sona Calcio si difende con ordine, dando origine a ripartenze piuttosto rapide e di ampio respiro che non trovano comunque la conclusione naturale nel tiro in porta.
Spettacolari i duelli a centrocampo fra Ledri e Conti e piuttosto tesi quelli fra Gobbi e Ghirlanda.
Dopo una azione verticale di Rossi conclusa da un tiro inguardabile è Martignoni dal piede buonoàdel Concordia che dà la carica ai suoi incaricandosi di portar fuori la palla dall’area per poterla dare utilmente a qualche compagno ma è dal piede ruvido ed efficace di Pavanati che nasce l’azione del pareggio.
Dal terzino avanzato sulla fascia sinistra c’è l’appoggio a Pavanati il quale invita Balbo con un lancio ad effetto verso l’area: cambio di passo per trovarsi sul pallone in area e saettare a rete con un preciso tiro incrociato. 1-1
Proteste del Sona per una presunta posizione di fuorigioco, difficile da valutare. Al momento del lancio, Balbo era più indietro della linea dei difensori, ma la velocità dell’attaccanye può aver tratto in inganno i difensori. L’arbitro convalida e la fine del primo tempo vede ancora il Sona all’attacco come mister Piccinato predica sempre.

Nel secondo tempo il gioco scade un po’ perchè il Sona sembra accontentarsi del pareggio e riesce a spezzare le iniziative viola e un po’ perchè effettivamente nel primo tempo il ritmo è stato elevato per entrambe le squadre che adesso pagano in debito energetico.
E’ sempre Balbo protagonista di un Concordia che vuol vincere a tutti i costi ma fa ben poco per meritarselo, una sua staffilata termina di poco fuori dopo una punizione battuta da Ledri.
Colpo di scena al 25’st: punizione di Ghirlanda, mischia in area e Bova riesce a gonfiare la rete. L’arbitro convalida ma capitan Leardini fa sentire le sue ragioni, perchè la punizione era stata battuta senza la fischiata dell’arbitro: il direttore di gara accetta la contestazione e annulla la rete.
La punizione viene ribattuta senza nulla di fatto.
A questo punto sono da segnalare tre fiammate del Sona che vedono sempre presente Oboe: per tre volte riesce ad impegnare il portiere Zanchi a terra che respinge ma per tre volte gli attaccanti non trovano la lucidità per battere a rete nella porta sguarnita.

La gara diventa nervosa con falli a ripetizione, che costringono finalmente l’arbitro a sventolare qualche cartellino giallo, un po’ tardivamente.
Si arriva così al 45′ con il Sona convinto di avercela fatta ma un ennesimo attacco viola viene premiato con una punizione fatale: batte Ghirlanda, mischia in area, colpisce di testa Balbo indirizzando verso la porta in modo debole ma angolato. Righetti si tuffa ma non trattiene, irrompe Ledri falco d’area e firma il 2-1 per i viola.
Un pareggio sarebbe stato più giusto, ma questo è il calcio, servirà di esperienza anche a Righetti che su certi palloni ci vuole più concentrazione.
Rabbia sulla panchina del Sona, Piccinato che aveva “sistemato” la gara in modo magistrale deve chinare il capo. Ma il campionato è ancora lungo.

 

per gentile concessione della Redazione di Giovanigol.

Condividi anche tu!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •