32° Trofeo “Città di Verona”. Presentazione  Sona Calcio.
di Rodolfo Giurgevich.

E’ un nativo  del Leone, 9 agosto 1961, Luciano Bonfante allenatore dei Giovanissimi del  Sona Calcio. Il Leone è solare nel carattere quanto il pianeta che lo rappresenta. E’ una persona aperta, generosa, ambiziosa fin troppo, protagonista. Ama la vita e tutto ciò che di piacevole c’è in essa. Rifiuta la mediocrità ma, nella ricerca costante della qualità, entra in conflitto con la cruda realtà e pur sconfitto non rinuncia al suo modus vivendi ideale, così nella vita così nello sport.

Ricco dunque di contraddizioni il sanguigno mister rossoblu che non svela comunque  quanto ci tiene alla

Sona Calcio Gio Pr Luciano Bonfante

cabala: ” …sono scaramantico il giusto, cerco sempre di giocare e non di distruggere. Non ho mai partecipato al Citta’ di Verona e cercheremo di passare il primo turno sapendo in partenza che non sarà facile visto che ho una rosa di solo 2006. Nutro fiducia anche perché la squadra ha fatto notevoli progressi da inizio anno. La rosa è composta di venti giocatori che non è stata aumentata di nessun arrivo a dicembre;  il mio collaboratore principale è Perin Gianluca col quale condivido fatica, gioia e anche qualche delusione.”

La squadra si presenta molto equilibrata con giocatori intercambiambili il che garantisce al mister la possibilità di gestire la formazione in momenti di emergenza. Per esempio Massimo Sorio, portiere nella prima fase di campionato è diventato attaccante ma pronto a tornare fra i pali in caso di necessità, mentre i due centrali difensivi Eros Zanardi Federico Favaro sono in grado di ricoprire efficacemente qualsiasi ruolo in difesa. A centrocampo tandem gemellare  con  Andrea e Matteo Perin, bravi a pressare e a costruire. Da segnalare anche l’ala tutta mancina  Elia Dalla Pellegrina e la prima punta Francesco Zanusso ma ce ne sono altri che meriterebbero una citazione. Li vedremo in azione prersto.

Con questi giocatori siamo capaci di cambiare modulo in corsa ed essere più dinamici possibili: cerco di partire con un 4-3-3 che può diventare un 4-5-1 a seconda delle disponibilità e chi mi trovo come avversario. Nel nostro passato girone vedo favorito il Baldo Junior Team, squadra che potrà ambire anche al campionato provinciale.
Per il pronostico delle quattro finaliste al Bentegodi, faccio il modesto ovviamente, ma Villafranca, Povegliano, San Zeno e  Virtus hanno una marcia in più e direi anche potenziale umano. Se non sarò presente coi miei, un applauso e una presenza al Bentegodi li farò volentieri

(per gentile concessione giovanigol.com)