Serie D Giornata 6.
Sona Calcio – Villa Valle.

La tensione si taglia a fette in casa Sona: cupo mister Tommasoni che sa di essere ad una svolta e nervoso il presidente Pradella che si deve occupare anche di gestire le presenze a porte chiuse in qualità di Dap.
Anche i giocatori rossoblu durante il riscaldamento dimostrano fin troppa animazione tanto da scendere in campo con le gambe che sembravano non rispondere agli stimoli cerebrali.
Poi, dopo 30 minuti di terrore perchè il Villa Valle ha dato dimostrazione di gioco incisivo, il Sona ha preso il comando delle operazioni tanto da siglare una prima storica vittoria in Serie D.

Sona-Villa Valle (1-0) 4-0

Sona (4-4-2): Carletti; Gecchele, Dal Cortivo, Zamboni (C) (19’pt Belfanti), Montresor; Boccalari, Tomelleri, Gerevini (35’st Tomasini), Cortese M.; Strada, Agazzani (21’st Valbusa). A disposizione: Circio, Calabrese, Frinzi, Cortese Luca, Zanette, Multari. Allenatore: Tommasoni Marco.

Villa Valle (3-5-2): Pisoni; Micheli (35’st Corna), Rondelli, Meregalli; Stanzione (5’st Austoni); Ruggeri, Cavagna (21’st Franceschinis), Crotti (C), Bonfanti (25’st Brioschi); Ghisalberti (21’st Monza), Castelli. A disposizione: Asnaghi, Tarchini, Massarucci, Capelli. Allenatore: Bolis Marco.

Arbitro: Michele Maccorin di Pordenone.
Ass.1: Mirko Giuseppe Cimmarusti di Novara. Ass.2: Nicola Di Meo di Nichelino.

Reti: 42’pt Gerevini (S), 14’st, 40’st Strada (S), 29’st Valbusa (S).

Note: ammoniti Zamboni, Boccalari (S), Micheli, Crotti (V).

4-4-2 per Marco Tommasoni che schiera Agazzani a far coppia con Strada al centro dell’attacco, risponde il Villa Valle con un 3-5-2 con il tandem offensivo Ghisalberti-Castelli. Partono meglio gli ospiti che al 7′ si vedono assegnato il primo dei due rigori di giornata per un fallo di mano di Zamboni su tiro ravvicinato di Ghisalberti. Dagli undici metri va capitan Crotti ma Carletti neutralizza il penalty mantenendo il punteggio sullo 0-0. Il primo tempo prosegue con gli uomini di Marco Bolis che spingono e sfiorano in più occasioni il vantaggio con i vari Castelli e Ghisalberti ma al 42′ è il Sona a passare con capitan Gerevini che servito da Strada si incunea in area dalla destra e batte Pisoni con un preciso diagonale. Si va al riposo con il Sona avanti 1-0.

Nella ripresa dopo aver sbloccato il risultato il Sona gioca con maggiore fluidità e dopo aver sfiorato il raddoppio al 55′ con un sinistro dal limite di Agazzani deviato da Pisoni, arriva al goal del 2-0. Sugli sviluppi di un corner, angolo dalla destra battuto da Gerevini che pesca il taglio di Strada sul primo palo, l’ex attaccante del Villafranca Veronese di testa infila Pisoni.
Gli uomini di Tommasoni continuano a spingere e al 74′ il neo-entrato Valbusa, pescato da un preciso traversone di Tomelleri dalla sinistra, in inserimento trova la zuccata vincente con il pallone che va a sbattere sul palo per poi finire in rete. Ancora una volta Thomas Valbusa risponde presente dalla panchina e dimostra la sua capacità di entrare subito in partita Le residue speranze del Villa Valle di riparire la partita si spengono al 77′ sul secondo rigore neutralizzato da Carletti, oggi para-tutto a Castelli, concesso dall’arbitro Maccorin della sezione AIA di Pordenone per un fallo commesso da Belfanti su Austoni. All’85’ c’è infine spazio per la ciliegina sulla torta, ovvero la doppietta personale di Filippo Strada che fissa definitivamente lo score sul 4-0: il numero 10 rossoblù entra in area dalla sinistra e con il destro spara in porta con il pallone che si insacca dopo aver baciato il palo più lontano. Sei minuti di recupero e poi cala il sipario, prima storica vittoria per il Sona Calcio in Serie D.

A fine gara, abbraccio spontaneo e scacciacrisi fra Piccinato e Tommasoni; la tensione è ormai sbollita.
Altro abbraccio fra il mister e Paolo Pradella quasi a suggellare un rapporto di stima reciproca che il Presidente ha esternato anche nei giorni scorsi.
<< …questa è una vittoria dalle grandi riflessioni, ma la più triste va all’incidente che ha colpito Thomas Agazzani, uno dei nostri più generosi giocatori che si è sacrificato finora in più ruoli per ricoprire assenze dell’ultimo momento. Difficile essere completamente felice oggi quando un ragazzo come Thomas si fa male, gli saremo vicini tutti. Sulla partita faccio due flash, uno su Carletti che è stato il vero eroe della nostra vittoria, perchè le sue parate nei primi minuti hanno dato sicurezza a tutta la squadra fino ad arrivare alla rete di Gerevini sul finir del primo tempo. Secondo flash le due prodezze di Strada, neanche tanto sorprendenti perchè ne conoscevo già le doti tecniche e oggi ne ha dato conferma.  Adesso ci siamo, abbiamo dato dimostrazione che la squadra c’è sia come gioco sia come temperamento. >>

Il secondo gol di Strada, una vera e propria magia “a rientrare”. La palla terminerà nel sette opposto.